Attualità In evidenza

“Siamo invasi dalla mafia, stanno mettendo le mani dappertutto e sono forti grazie alla droga”

di Stefano Marilungo

“Da Porto Recanati a Pedaso la malavita organizzata è dappertutto: comprano immobili, fabbriche, negozi e dilagano grazie alla droga”. Il grido d’allarme è stato lanciato ieri sera  durante la conferenza di presentazione del libro Notte di Sangue scritto da Giuseppe Bommarito e Marco Di Stefano dove è ricostruito il famoso scontro a fuoco del 1977  cominciato a Porto San Giorgio e finito a Civitanova Marche dove persero la vita l’appuntato Alfredo Beni e il maresciallo Sergio Piermanni. Nell’inseguimento tra i malavitosi e le forze dell’ordine rimase gravemente ferito il Generale Rosario Aiosa che ieri sera ha ricordato i particolari di quella notte che scosse l’Italia intera.

La serata nel cortile della Lega Navale

A fare gli onori di casa alla Lega Navale, accanto ai familiari delle vittime, il sindaco Valerio Vesprini con vicino il Prefetto Edoardo D’Alascio e tutti i vertici provinciali di Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia di Stato e Capitaneria di Porto.

Presenti autorità civili e militari

“Allora il malaffare segnava con il sangue – ha commentato l’avvocato e scrittore Giuseppe Bommarito – oggi il mostro,  così definisco la mafia, non ha bisogno di stragi. Sembra silente ma è dappertutto: fa affari immobiliari, compra aziende, negozi e soprattutto ha una rete di spaccio terrificante. La droga, in particolare la cocaina, è il loro motore economico:  per questo dico ai genitori  attenzione ai giovani. Lo dice uno che ha perso il proprio figlio perché vittima dello stupefacente”.

Pizzeria Farina

Un quadro che impressiona perché, come ha spiegato lo scrittore, “siamo arrivati al punto in cui sono i cittadini a cercare la malavita per vendere una fabbrica,  un immobile”.

In tutto ciò c’è una giustizia che non riesce ad arginare il nemico perchè la piramide “è composta professionisti preparati e soprattutto hanno capitali per corrompere. Le pene non sono adeguate per chi produce fatture false, società per il riciclaggio e chi sparge droga. Le Marche laboriose sono terreno fertile per la ndrangheta e l’assurdo è che nella nostra Regione non c’é spazio per la Dia”.

Marco Di Stefano l’altro scrittore del libro e nipote di Alfredi Beni ha ricostruito con una ricerca minuziosa il fatto di cronaca del 1977, la prima incursione sanguinosa della mafia nel territorio, ripercorrendo i luoghi dello scontro a fuoco. Fatti di storia tradotti in un libro che segna il tempo.

La serata organizzata dall’associazione Liberamente è stata moderata da Andrea Angeli e Luciano Magnalbò.

Potrebbe anche interessarti

In evidenza Today

Minorenne e senza fissa dimora fermato alla stazione dalla Polizia: affidato ai servizi sociali

È stato affidato ai servizi sociali del Comune e messo in un centro per minori il 16enne senza fissa dimora
Comune
Attualità In evidenza

Asfalto, ciclabile e arredo verde: corsa contro il tempo per aprire il lungomare sabato

C’è chi sta sistemando le piantine nelle aiuole, chi sta piantando la siepe che separerà la corsia carrabile dall’area ciclo