Il punto

Fibrillazioni in casa Forza Italia, chieste le dimissioni all’assessore Petracci

Direttivo infuocato in casa Forza Italia che ha messo  sotto accusa il proprio assessore Alessandra Petracci. “Non incide nell’economia di partito”: questa la voce comune degli azzurri sangiorgesi e parole sostenute dalla consigliera regionale Jessica Marcozzi che ha rappresentato prima delle feste di fine anno la posizione del partito al sindaco Valerio Vesprini.

Accuse respinte dall’assessore al bilancio che sembra aver detto a chiare note di essere civica nel progetto Vesprini: come a dire, rispondo solo al sindaco.
Una posizione non gradita a Forza Italia che potrebbe chiedere proprio a Vesprini un rimpasto di metà mandato. Di sicuro non entrerebbe in giunta il consigliere Maccarone perchè altrimenti tornerebbe in gioco, stavolta da consigliera, proprio Alessandra Petracci in quanto prima dei non eletti. In più il cambio necessita la copertura della quota rosa. Nell’agenda azzurra c’è già il nome di una professionista pronta a subentrare all’attuale assessore al bilancio ma la scelta ha bisogno del benestare del sindaco che, nell’allestire la squadra, ha sempre tenuto conto dei consensi conquistati alle urne.
Il pressing  è cominciato ma sarà dura trovare il benestare del primo cittadino che difficilmente sarà disposto a sacrificare una figura come la Petracci che ha sposato per prima il progetto Valerio Vesprini Sindaco.
Una cosa è certa: con le elezioni europee e poi regionali il protagonismo dei partiti tornerà ad incidere nella civica Porto San Giorgio.

Potrebbe anche interessarti

Il punto

“Non c’è nessuna questione Petracci”, il sindaco respinge il dai e vai lanciato da Forza Italia

“Non c’è nessuna questione Alessandra Petracci”. È sibillino sull’argomento il sindaco Valerio Vesprini: l’assessore al bilancio non si tocca e
Il punto

Fdi verso il congresso comunale, taglia fuori di Putzu ad Agostini con Marzetti coordinatore?

Europee a giugno e poi di corsa verso le regionali: la road map del partito n.1 in Italia è segnata